Categoria

News Della Settimana

1 Caldaie
Come posare i forni a legna per una casa con un piano cottura fai da te usando i disegni
2 Pompe
Rubinetto termostatico a tre vie
3 Caminetti
Come piegare il forno con le tue mani
4 Caminetti
Standard di consumo di energia termica per il riscaldamento: come viene calcolata la carica per il riscaldamento?
Principale / Pompe

Caldaie a pirolisi: vantaggi e svantaggi


Il riscaldamento economico ed efficiente è il sogno di ogni proprietario di casa. Felici sono quelli che hanno l'opportunità di collegare caldaie a gas, il resto deve scegliere tra caldaie a combustibile solido ed elettrico. I combustibili solidi sono buoni perché il riscaldamento è relativamente economico. Il loro svantaggio - hai bisogno di una presenza costante per racchiudere il carburante. Ma gli ultimi sviluppi - le caldaie a combustione lunga a pirolisi - sono diventati più convenienti a questo riguardo.

In una scheda del carburante è possibile riscaldare il sistema da 8 a 24 ore (a seconda del combustibile e della temperatura ambiente). Nelle caldaie a pirolisi in legno, lo spazio tra i segnalibri di legna da ardere raddoppia e le caldaie a pellet possono essere controllate una volta al mese - tale combustibile può essere fornito automaticamente secondo necessità.

Hanno difetti. Non senza di esso. Due principali: le apparecchiature sono costose e molto spesso volatili (è richiesto un alimentatore garantito). Il prezzo paga nel processo di sfruttamento: su una scheda di legna da ardere per riscaldare la casa il doppio del tempo, e sulla scheda del carbone - in generale, fino a un giorno. Inoltre, ci sono caldaie che bruciano tutto: anche i rifiuti di costruzione e le vecchie gomme. Tutto può bruciare.

Principio di funzionamento

Il principio di funzionamento delle caldaie di pirolisi

Com'è possibile che tanta energia provenga da una quantità così piccola di carburante? Il fatto è che la maggior parte del calore nelle caldaie convenzionali (vengono chiamate caldaie a combustione diretta) letteralmente "vola" nel tubo.

Se riscaldi legno o carbone, sai che è impossibile toccare il tubo - la temperatura lì e 300 o C può essere di 400 o C. E in alcuni casi (nei bagni, per esempio) è ancora più alto.

Nella pirolisi cola, l'aria proveniente dal forno esce con una temperatura di 130-160 o C. Ciò è dovuto al fatto che non viene utilizzata solo l'energia rilasciata dalla legna, ma il gas che rilasciano durante la combustione viene bruciato (a questo scopo viene creato un regime speciale).

Il lavoro si basa sul fatto che il combustibile contenente carbonio (carbone, legna da ardere, mattonelle, pellet) quando brucia con una mancanza di ossigeno, si decompone in una grande quantità di gas e sostanze combustibili. A causa del fatto che nel processo di combustione senza fiamma da legno o altri combustibili contenenti carbonio, viene rilasciata una grande quantità di gas combustibili, tali dispositivi sono anche chiamati caldaie generatrici di gas. Ad esempio, il legno a seguito della pirolisi viene convertito in:

  • residui solidi - carbone vegetale, che è esso stesso un combustibile ipercalorico;
  • alcool metilico;
  • acetone;
  • varie resine;
  • acido acetico.

Tutte queste sostanze bruciano e rilasciano una grande quantità di energia. Le caldaie a pirolisi hanno quindi due camere:

  • Nella camera di combustione mettere il carburante e accenderlo per raggiungere la temperatura desiderata.
  • Nella camera di pirolisi (camera di postcombustione) i gas sviluppati durante la combustione del carburante vengono deviati. Hanno già una temperatura elevata, si mescolano con l'aria iniettata e si accendono.

L'aria viene fornita a entrambe le camere separatamente, la sua quantità controlla l'intensità della combustione e la potenza della caldaia in questa fase. È l'unica tecnologia di combustione del carburante che automatizza la combustione di legna o carbone.

Punti di forza e punti deboli

L'emissione di gas durante la combustione in condizioni di mancanza di ossigeno è molto attiva. Pertanto, per il funzionamento efficiente di tali apparecchiature, l'automazione è importante, che controllerà il processo: limitare l'apporto di ossigeno dopo che la legna da ardere infiamma e regolare il processo in entrambe le camere. Questo è il principale svantaggio del gioco: per funzionare, ha bisogno di un alimentatore garantito (affinché l'automazione funzioni).

Le caldaie a pirolisi su legno possono anche bruciare mattonelle.

C'è ancora una cosa positiva: i gas di pirolisi interagiscono con il carbonio durante la combustione. Come conseguenza di queste reazioni all'uscita della caldaia, il fumo consiste principalmente di anidride carbonica e vapore acqueo con una piccola quantità di altre impurità. Se si utilizza legna da ardere, le emissioni di CO nell'atmosfera sono tre volte inferiori rispetto all'utilizzo della tecnologia tradizionale. Quando si lavora sul carbone, la situazione è ancora più luminosa: c'è una riduzione delle emissioni ogni cinque.

Anche la postcombustione dei gas e delle microparticelle in essa contenute è buona perché non c'è praticamente nulla da depositare sulle pareti del camino: la fuliggine non è sufficiente. E un altro bonus: rimane poca cenere. Non è sufficiente la cenere e la pulizia a fuliggine è meno frequente. Anche questo è bello.

Le caldaie a combustione diretta hanno un'efficienza di circa il 60-65%. Pirolisi - 80-90%. Questa è una differenza tangibile.

Ma i benefici non sono ancora finiti. Regolare la potenza di una caldaia convenzionale può essere abbastanza condizionale. Tutte le opportunità: apri / chiudi le porte, i bleeders e le alette. E devi farlo con le tue mani e affidarti all'esperienza e all'intuizione. Il processo di pirolisi può essere regolato in un ampio intervallo: puoi lasciare il 30% della potenza e puoi "overclockare" del 100%. E regola il processo di automazione, che si concentra sui parametri specificati. Risultato: risparmio di carburante del 40%.

La camera di carico del carburante può essere posizionata sopra, dopo o dopo la camera di combustione.

Strutturalmente, le cole possono essere fatte in modo diverso: in alcuni modelli, la camera postcombustione si trova sotto quella primaria, in alcuni - dall'alto. Ci sono modelli in cui si trova dietro il focolare primario. In alcune unità, l'aria non viene fornita da sotto la legna attraverso la griglia, ma viene "soffiata" dall'alto, rallentando il processo di combustione. Queste sono tutte variazioni della stessa tecnologia. Ma hanno anche i loro pro e contro. Considera alcuni di essi in modo più dettagliato.

Caldaia a pirolisi a combustione lunga Blago

Caratteristiche Blago (Fortunatamente)

Queste caldaie sono progettate dall'ingegnere Yury Blagodarov. Il loro principale vantaggio sono i modelli non volatili. In essi non viene utilizzata l'iniezione di aria artificiale, la caldaia funziona a tiraggio naturale.

La disposizione ben congegnata dei bunker di carburante, le camere postcombustore e l'uso di un catalizzatore (pietra da bagno) hanno permesso di scomporre non solo idrocarburi semplici, ma anche complessi. A causa di ciò, il numero di carburanti è aumentato in modo significativo, oltre ad aumentare l'efficienza della sua distillazione.

Un'altra caratteristica distintiva di queste caldaie è la possibilità di utilizzare il legno grezzo senza perdere potenza. Caldaie Vantano "la capacità industriale può lavorare su legno con umidità del 55%, le unità a bassa potenza riescono a far fronte con successo al 35% di umidità.

Il design viene costantemente migliorato. Recentemente, è stata lanciata la produzione di attrezzature per l'incenerimento di pneumatici usati, vi sono attrezzature specializzate che operano sul carbone.

Le caldaie ordinarie a pirolisi del "Benefit" a lungo bruciato utilizzano legna da ardere, segatura, trucioli di legno, talee e la loro miscela con trucioli di carbone. Quando si usa il legno, in linea di principio, non si può pungere: bruciano bene e interi blocchi.

Di conseguenza, le caldaie sono davvero onnivore: lavorano su vecchi pneumatici, gomma, cuoio, polietilene, per non parlare dei tradizionali tipi di combustibili solidi.

Le grandi caldaie a pirolisi "Blago" hanno diverse camere di combustibile (almeno due). Se necessario (piccole gelate sulla strada), è possibile solo mettere il carburante in uno. A causa di ciò, l'efficienza (81-92%) della caldaia non cambia, solo la potenza si riduce. Ad esempio, una caldaia da 50 kW può essere utilizzata per 12 kW. In questo caso, per il periodo di accelerazione del sistema, emetterà 25 kW e il resto del tempo - 12-15 kW. Ci sono piccoli modelli (da 15 kW) con una camera di carico a combustibile singolo.

Vengono emesse caldaie a pirolisi di lunga combustione di Blago con una potenza da 12 kW a 58 kW. Le installazioni più potenti sono realizzate su ordinazione con il coordinamento dei parametri di input e output. Per unità da 1 MW, è possibile sviluppare una linea di alimentazione del carburante automatica (questi sono i dati del messaggio dell'autore del progetto).

Cosa inoltre "onnivoro" garantisce al produttore? In primo luogo, una quantità minore del combustibile richiesto - è necessaria per il 20-30% rispetto ad altre caldaie con lo stesso principio di funzionamento. In secondo luogo, una lunga combustione - la posa del combustibile avviene ogni 12-18 ore. In terzo luogo, un'elevata sicurezza: la porta di carico e la serranda tagliafuoco sono combinati, il che impedisce l'accensione accidentale durante il caricamento del carburante, la regolazione automatica della spina è fornita per evitare la fuoriuscita di gas in caso di violazione delle regole di installazione. In quarto luogo, facilità d'uso: controllo automatico, assenza di fumo durante il caricamento del carburante, pulizia automatica dei canali del carburante.

Ora sulle carenze evidenziate nei forum:

Sì, non economico. Ma per tutti, vendono un pacchetto di documentazione per la produzione indipendente.

Caldaia a pirolisi a combustibile solido

La combinazione di un funzionamento efficiente basato sull'uso economico del combustibile e la facilità di funzionamento sono requisiti chiave per la scelta della caldaia. Lo scopo principale dell'ingegneria è di massimizzare il calore del combustibile bruciato riducendo al contempo il volume della fonte di energia. La caldaia a pirolisi è pienamente coerente con le condizioni impostate ed è un'opzione pratica per il riscaldamento domestico.

Tipi e dispositivi dell'apparecchiatura di pirolisi

Quali caldaie possono essere attribuite alla pirolisi e ci sono differenze strutturali tra i modelli? Quali sono i vantaggi e gli svantaggi delle unità a combustione lunga? Per cominciare, vale la pena notare che le caldaie a pirolisi funzionano esclusivamente con combustibili solidi. Il "cuore" della caldaia è una camera di combustione composta da due scomparti:

  • La parte di caricamento per combustibile solido, generando gas.
  • Il settore postbruciatore, la cui funzione è l'organizzazione del processo di combustione dei gas di pirolisi.

Questo settore è collegato al percorso del fumo attraverso il quale l'energia termica si trasferisce al liquido di raffreddamento. Anche i resti della combustione di combustibili solidi sotto forma di fuliggine si insediano qui. Pertanto, il secondo nome dell'apparato di pirolisi - caldaia a gas. Tutte queste unità sono dotate di interruttori di spinta. L'assenza di questo elemento trasforma la caldaia generatrice di gas in un equipaggiamento standard di combustione diretta. È la chiusura della valvola che fornisce l'inizio del processo di pirolisi durante la combustione del combustibile solido.

Esistono vari modelli di caldaie a pirolisi, la differenza tra loro si trova nella posizione della camera di postcombustione. Può essere equipaggiato in alto o in basso. Le caratteristiche del popolare design a combustibile solido con la camera inferiore del postbruciatore sono le seguenti:

  • Tra i vantaggi c'è una comoda posa del combustibile, mentre i gas di scarico escono nel camino installato sotto.
  • Un inconveniente significativo di una tale caldaia di pirolisi è la necessità di una pulizia regolare della camera inferiore a causa dell'ingresso di ceneri dal compartimento primario.

La progettazione di una caldaia a combustibile solido a pirolisi con camera di postcombustione superiore è meno comune, ma presenta vantaggi significativi. In esso, il gas di pirolisi entra nello scompartimento del postbruciatore attraverso gli ugelli, e dopo la completa combustione si sposta nel camino. Dopo il raffreddamento, i prodotti della combustione vengono rimossi all'esterno. Il punto negativo di questo modello è l'aumento del consumo di materiale per la disposizione del percorso del fumo.

Differenze costruttive tra caldaie a combustibile solido del tipo di pirolisi si trovano anche nella disposizione della spinta, che è forzata e naturale.

Per la ventilazione forzata, sono installati ventilatori e aspiratori di fumo, che vengono controllati automaticamente. Il loro lavoro è caratterizzato da un lungo periodo di combustione efficace, ma soggetto alla disponibilità di energia elettrica.

Principio di funzionamento

Grazie al quale l'unità di combustibile solido pirolisi ha un'elevata efficienza, consideriamo in dettaglio. Grazie alla camera di combustione equipaggiata e alla turbina, una posa di combustibile solido dura per un periodo da 10 a 12 ore. Come funziona:

  • Le caldaie a gas sono dotate di un dispositivo software la cui funzione è quella di stabilire una modalità di riscaldamento conveniente.
  • Dopo aver ricevuto i parametri specificati, l'operazione della turbina viene controllata automaticamente.
  • Una certa quantità di aria viene fornita al compartimento di caricamento del combustibile solido, che fornisce la modalità di combustione richiesta. Ciò consente al sistema di mantenere la temperatura desiderata.

Un principio chiave per il funzionamento efficiente delle caldaie di pirolisi è l'uso della tecnologia di generazione del gas a causa della decomposizione del legno. Questo viene fatto quando esposto a combustibili solidi con temperature elevate nell'intervallo di 200-800 o C in condizioni di fornitura d'aria limitata. Cioè, la produzione del flusso principale di energia termica non è basata nella camera di caricamento, dove la combustione del combustibile solido avviene direttamente. Il gas di pirolisi rilasciato in assenza di ossigeno passa attraverso gli ugelli nella camera di postcombustione e, mescolando con aria secondaria, brucia a una temperatura di 1100-1200 o C. L'aspiratore di fumo, che crea la trazione necessaria, contribuisce alla sua accensione. Questo processo è caratterizzato dal rilascio di una colossale quantità di calore. Le aree della caldaia, dove si accumula una piccola quantità di rifiuti sotto forma di ceneri e fuliggine, devono essere pulite regolarmente.

La promozione del gas di pirolisi attraverso lo scambiatore di calore è accompagnata dal trasferimento di energia termica al liquido di raffreddamento, dopodiché viene rimosso attraverso il camino. Ciò garantisce il massimo sfruttamento del calore generato e il prolungamento del processo di combustione del combustibile solido.

Caratteristiche dei modelli in acciaio e ghisa

Il corpo della caldaia a pirolisi a combustibile solido è prevalentemente in acciaio con uno spessore superiore a 5 mm. Lo svantaggio di questo materiale è la suscettibilità ai processi di corrosione, che ha un impatto negativo sulla vita dell'apparecchiatura. Per evitare tali problemi consentirà l'acquisizione di una caldaia a combustibile solido, il cui corpo è realizzato in ghisa, che ha alta qualità e affidabilità. Rispetto ai prodotti in acciaio, le caratteristiche delle caldaie di pirolisi in ghisa sono più elevate nelle seguenti posizioni:

  • il periodo di operazione;
  • emissione di calore;
  • resistenza ai processi di corrosione;
  • le caldaie in ghisa sono meno sensibili agli acidi e al catrame.

Sfumature di selezione del carburante

L'efficienza della caldaia a pirolisi dipende in gran parte dal tipo di combustibile utilizzato. In generale, tali materie prime di origine organica saranno adatte per lui:

  • legna da ardere;
  • carbone;
  • pellets;
  • torba;
  • lavorazione del legno di scarto.

Il caricamento di segatura e trucioli è inaccettabile a causa della contraddizione del nome stesso della caldaia "combustibile solido". L'uso di questi materiali non fornirà il processo di emissione di gas di pirolisi dovuto alla combustione istantanea. L'opzione migliore è il legno, la cui combustione è accompagnata dalla formazione di grandi volumi di gas, che superano tutte le altre fonti. Come accennato in precedenza, l'alta efficienza della caldaia a pirolisi è possibile a condizione di caricare combustibile secco.

L'analisi del costo delle fonti di energia termica ha identificato i leader: tra questi ci sono il pellet e il pellet di legno. Entrambe le specie sono il risultato della lavorazione del legno e hanno un basso costo. Tuttavia, si consiglia di utilizzare il materiale a frazioni fini in combinazione con legna da ardere.

La dimensione minima del carburante per una caldaia a gas è 7-10 cm nella dimensione trasversale. L'uso di trucioli o segatura è consentito in quantità non superiori a ¼ della massa di tutti i combustibili solidi.

Vantaggi e svantaggi

Il miglioramento delle caldaie a combustibile solido ha fornito unità di pirolisi con una serie di vantaggi, tra i quali va notato:

  • Al rispetto delle condizioni operative, l'efficienza della caldaia è dell'85-90%. Ciò si ottiene bruciando combustibile solido senza residui.
  • La necessità di caricare la legna si verifica due volte al giorno. Quando si utilizza una caldaia per pirolisi per una capacità incompleta, il processo può essere ridotto a un rifornimento una tantum entro 24 ore.
  • La regolazione della temperatura nella stanza consente di ridurre il consumo di carburante.
  • L'interazione del gas di pirolisi con il carbonio è accompagnata dal rilascio minimo di sostanze nocive. Insieme alla quasi completa combustione del combustibile solido nella caldaia, questo garantisce bassi livelli di inquinamento atmosferico. In relazione alle unità tradizionali, è ridotto di tre volte.
  • Riduzione del numero di pulizie della caldaia a pirolisi grazie alla completa combustione di tutti i componenti in legno.

In base al feedback dei consumatori, i singoli difetti sono caratteristici delle caldaie a pirolisi a combustibile solido:

  • Dipendenza dall'alimentazione elettrica.
  • La maggior parte delle caldaie a pirolisi sono unità a circuito singolo, quindi svolgono la sola funzione di riscaldamento dell'ambiente. Per l'organizzazione del processo di riscaldamento dell'acqua occorre fare attenzione all'installazione di apparecchiature aggiuntive, che sono accompagnate da nuovi costi di materiale.
  • Il costo di un'unità di pirolisi a combustibile solido è superiore al prezzo di una caldaia tradizionale a combustibile solido. Tuttavia, a causa del consumo economico di materie prime in futuro, questa voce di spesa viene sovrapposta con successo.
  • Nonostante la regolazione automatica del processo di riscaldamento, il caricamento del combustibile solido nella caldaia di pirolisi viene effettuato manualmente. Questa procedura offre alcuni inconvenienti ai consumatori a causa del controllo sistematico sul consumo di materie prime.

Quando si sceglie tra i numerosi modelli di caldaie a pirolisi, si ricorda che le unità che funzionano esclusivamente con pellet sono difficili da mantenere e che pertanto devono essere assunte dai tecnici dell'assistenza. Il costo di tutte le caldaie a pirolisi dipende direttamente dalla disponibilità e dal numero di miglioramenti tecnici.

Caldaie a pirolisi a combustibile solido e loro caratteristiche

Qui impari:

Il riscaldamento di case con caldaie a combustibile solido è un fenomeno abbastanza comune nei piccoli insediamenti, dove non c'è ancora gas. Nella maggior parte dei casi, la legna da ardere o le bricchette di combustibile più comuni vengono utilizzate come combustibile.

Lo svantaggio di tali caldaie è che sono costretti a fare una varietà di approcci per lanciare tutte le nuove porzioni di carburante. Le caldaie a pirolisi a combustione lunga sono private non solo di questo svantaggio, ma anche di alcuni altri - parliamo di questo come parte della nostra recensione.

Caratteristiche delle caldaie di pirolisi

Le caldaie tradizionali a legna sono fastidiose perché richiedono un monitoraggio costante. Cioè, ogni 2-3 ore hanno bisogno di racchiudere sempre più nuove porzioni di carburante, altrimenti i tubi della casa diventeranno freddi. È particolarmente difficile durante la notte, quando, invece di dormire tranquillo, le famiglie soffrono di mal di testa sotto forma di riscaldamento di raffreddamento. Da un lato, dormire nel fresco fa bene alla salute. D'altra parte, incontrare la mattina, chiacchierando disperatamente con i denti, non è molto piacevole.

Le caldaie classiche per riscaldamento domestico presentano un altro importante svantaggio: bassa efficienza. Il carburante in esse brucia molto rapidamente, la maggior parte del calore scompare nell'atmosfera. Insieme ad esso, i prodotti della combustione, contenenti gas combustibili, volano via nell'aria. Possono essere utilizzati per ottenere ulteriori porzioni di calore - questo sta accadendo nelle caldaie a pirolisi della combustione a lungo termine.

Come avete già capito, le caldaie a pirolisi a combustibile solido non presentano entrambi gli svantaggi sopra menzionati. Sono dotati di focolari spaziosi, che bruciano combustibile solido in un modo un po 'diverso. Ecco le loro caratteristiche principali:

Il principio di funzionamento di una caldaia a pirolisi a combustibile solido è molto semplice. Lascia che questa immagine non copra tutte le sfumature, ma trasmette l'essenza della tecnologia in pieno.

  • Grande volume del focolare - fino a diverse decine di litri. A causa di ciò, la frequenza degli approcci per il bookmarking dei carburanti viene ridotta più volte;
  • Il principio di pirolisi della combustione - consente di ottenere molta più energia termica dalla stessa quantità di legno;
  • Dimensioni abbastanza grandi - in effetti ci sono due focolari. In uno, la legna brucia lentamente, e nel secondo vengono bruciati i prodotti della combustione rilasciati dal legno;
  • Bassa temperatura di combustione: riduce il carico di calore sul metallo.

Le caldaie a pirolisi a combustione lunga sono disposte un po 'più complicate delle loro controparti tradizionali, ma forniscono un notevole risparmio di carburante.

Principio di funzionamento

Ora proveremo a capire come funziona il bollitore di pirolisi della combustione a lungo e come funziona. Il principio di funzionamento è molto semplice e complesso allo stesso tempo. La pirolisi è descritta nel corso di fisica della scuola - quando esposto al riscaldamento in uno spazio chiuso, il legno emette gas combustibili che possono essere accesi e riscaldarsi. In realtà, non esiste una combustione diretta del legno in tale esperienza.

Nelle caldaie a pirolisi a combustione prolungata, la legna brucia ancora, ma con una riserva d'aria limitata. Si può dire che è una lenta corruzione. Avendo infiammato, l'albero inizia a emettere gas infiammabili che bruciano nel postbruciatore. Totale otteniamo due fonti di calore: brucia legna e brucia gas di legna. L'effetto di una tale combustione a fasi si fa sentire sotto forma di risparmio di carburante fino al 40%.

Il gas di legna nelle caldaie di pirolisi a combustione a lungo termine si forma a causa della lenta combustione di carburante. Allo stesso tempo, l'apparecchiatura riscalda l'aria, che insieme al gas di legna viene alimentata nella camera di postcombustione. Lì, la miscela si infiamma e brucia per formare una grande quantità di calore. Allo stesso tempo, la quantità di emissioni nocive, rispetto alle caldaie tradizionali, è estremamente ridotta.

Quindi, la caldaia di pirolisi è un risparmio di carburante diretto, poiché più calore può essere estratto dalla stessa porzione di legna da ardere. Invece di 10 metri cubi di legna da ardere per un periodo invernale, possono andare solo 6-7 metri cubi. In questo caso, gli utenti non avranno bisogno ogni 2-3 ore per inserire nella fornace insaziabile tutte le nuove porzioni di legna da ardere.

Caldaie a pirolisi a lunga combustione disponibili in diverse versioni:

Nonostante il basso tasso di combustione del carburante, i gas del poryl rilasciati sono in grado di indurre una fiamma a un colore giallo-bianco così brillante.

  • Non volatile: funzionano a passo naturale e sono controllati meccanicamente;
  • Volatile: qui si verifica la pirolisi mediante trazione forzata. Ciò aumenta l'efficienza di combustione;
  • Con una diversa posizione del postcombustore, può essere posizionato sopra la camera di combustione o sotto di esso. Anche in vendita ci sono modifiche con una disposizione coerente di telecamere.

Ci sono molte modifiche, ma in generale il dispositivo e il principio di funzionamento sono quasi gli stessi.

La combustione a lungo nelle caldaie di pirolisi è fornita da due fattori contemporaneamente. Il primo fattore è il basso tasso di combustione / combustione del legno. Il secondo fattore è il grande volume della camera di combustione. Ad esempio, sono in vendita caldaie a pirolisi con una capacità del focolaio di 50 litri e più ancora. Non sorprende che la frequenza degli approcci per il caricamento del carburante sia ridotta a 1-2 volte al giorno.

Punti di forza e punti deboli

Le caldaie a pirolisi presentano una serie di vantaggi rispetto alle loro controparti tradizionali. Ma hanno alcuni inconvenienti. Discutiamo tutti i loro pro e contro:

  • Redditività: varia dal 10 al 40%, a seconda del modello, dell'intensità della combustione e della temperatura dell'aria all'esterno della finestra;
  • Bruciore a lungo - è possibile mettere benzina solo 1-2 volte al giorno. Ad esempio, al mattino e alla sera. In ogni momento della giornata la casa sarà calda;
  • Purezza ecologica - la legna da ardere brucia quasi completamente, con un rilascio minimo di prodotti di combustione;
  • Estrazione di calore quasi completa nel sistema di riscaldamento - la temperatura dei gas di scarico qui è inferiore rispetto alle caldaie tradizionali;
  • Nelle caldaie di pirolisi a combustione lunga, spesso vengono implementati vari meccanismi di controllo della potenza, che agiscono regolando l'intensità della combustione e fornendo gas alla camera di postcombustione.

Ci sono degli svantaggi:

A causa delle dimensioni impressionanti per il posizionamento della caldaia dovrà trovare un sacco di spazio libero. Seminterrato e mansarda: le opzioni più promettenti.

  • Costo elevato: le recensioni degli utenti dicono che le caldaie a pirolisi a combustione lunga sono molto convenienti, economiche e pratiche. Ma il costo iniziale per acquistarli è estremamente alto (la più equa per i potenti modelli dipendenti dall'energia);
  • Volatilità: tali unità sono più efficienti, ma richiedono una connessione alla rete (il consumo totale di elettricità è limitato, ma in sua assenza, il lavoro sarà difficile o impossibile);
  • Grandi dimensioni - le caldaie a pirolisi di lunga combustione sono notevolmente più grandi di qualsiasi altro combustibile solido.

Gli svantaggi non sono i più gravi, alcuni di essi possono essere trascurati. Ma l'alto costo dovrà venire a patti.

Carburante usato

Abbiamo già detto che le caldaie a pirolisi a combustione lunga lavorano su legno. Questo è un tipo di carburante abbastanza comune e poco costoso. In alcuni casi, la legna da ardere può essere ottenuta completamente gratuitamente. Ma queste caldaie possono funzionare su molti altri tipi di combustibile solido. Ad esempio, in alcuni negozi possiamo acquistare una caldaia a pirolisi a pellet. Funziona su pellet con lo stesso principio delle unità sopra.

È inoltre possibile acquistare una caldaia di pirolisi sul carbone. Ti piacerà con una lunga combustione e alta efficienza. Le caldaie a carbone funzionano con lo stesso principio d'azione, producendo gas combustibile dal carbone. A causa del potente potere calorifico, la frequenza degli approcci per il posizionamento del carburante è inferiore rispetto a quando si utilizzano caldaie a legna di pirolisi a lunga combustione.

Modelli popolari

Inoltre prenderemo in considerazione i modelli più popolari e richiesti di caldaie a pirolisi a combustibile solido a lunga combustione. Interesseremo sia le unità non volatili che quelle volatili.

Caldaia Popova

La caldaia a pirolisi Popova è una semplice unità non volatile in acciaio. Il design ha avuto un tale successo che molti artigiani lo copiano, raccogliendo l'apparecchiatura di riscaldamento con le proprie mani. La caldaia presentata è onnivora, è possibile bruciare quasi tutti i combustibili solidi in essa contenuti. E l'impressionante focolaio di un gigantesco volume ti consente di contare su quasi 24 ore di masterizzazione continua. In questo caso, il combustibile brucia quasi completamente, formando un minimo di componenti dannosi per la natura.

Uno dei vantaggi di questa caldaia a pirolisi è la possibilità di impostare tronchi di dimensioni non standard (fino a 75 cm nei modelli a bassa potenza fino a 240 cm nelle unità più produttive), che garantisce una combustione a lungo termine. La potenza massima dell'apparecchiatura è di 1000 kW, il minimo è di soli 25 kW. A seconda della modalità operativa selezionata, l'efficienza del dispositivo varia dal 75 al 95%.

Caldaie a geyser

L'attrezzatura del produttore con lo stesso nome è rappresentata da due linee: domestico e industriale. Caldaie a pirolisi domestiche Le lunghe bruciature Geyser hanno una capacità da 10 a 50 kW. Possono funzionare con qualsiasi combustibile solido, caratterizzato da un'elevata efficienza. Il volume del focolare al minimo modello è di 40 litri. L'apparecchiatura è non volatile ed è caratterizzata da estrema facilità di funzionamento e senza pretese.

Caldaie di Boderus

La caldaia a pirolisi a combustibile solido per la lunga combustione Buderus Logano G221-20 del famoso marchio Buderus è un acquisto eccellente per il riscaldamento della vostra casa. La sua capacità è di 20 kW, in modo che possa riscaldare ambienti fino a 200 metri quadrati. Il controllo qui è meccanico, la connessione alla fonte di alimentazione non è richiesta. Lo scambiatore di calore qui è realizzato in ghisa - questo influenza il costo del modello, ma lo rende resistente e resistente alla corrosione. Tuttavia, l'efficienza dell'unità di riscaldamento è solo del 78%.

Il suo analogo più vicino è la caldaia a pirolisi più progressiva per la lunga combustione di Buderus Logano S171-22 W. Ha un'alta efficienza, che è dell'87%. Per questo è responsabile l'uso della trazione forzata - all'interno troveremo un piccolo ventilatore. Un'altra differenza è lo scambiatore di calore in acciaio. Ciò non aggiunge affidabilità, ma rende l'attrezzatura più accessibile. Il consumo medio di carburante è di circa 6 kg / ora.

Caldaie Bastion

Caldaie a combustibile solido a pirolisi Le serie di bastoncini M-KST a combustione lunga sono apparecchiature non volatili che funzionano su legno e altri combustibili solidi. La linea è stata prodotta per 3 anni ed è caratterizzata da un basso numero di recensioni negative. Il modello più giovane ha una capacità di 12 kW, il più vecchio - 50 kW. Le caldaie sono dotate di potenti scambiatori di calore in ghisa, il volume minimo del focolare è di 40 litri. Tra i vantaggi: design affidabile e costi accessibili.

Caldaie a pirolisi a lunga combustione: recensioni dei proprietari, pro e contro

Le caldaie a pirolisi con e senza circuito dell'acqua sono apparecchiature altamente efficienti per il riscaldamento veloce e di alta qualità degli ambienti. Le tecnologie avanzate alla base della produzione, la sicurezza assoluta, l'elevata velocità di riscaldamento e altri vantaggi contraddistinguono questi dispositivi come un gruppo separato di moderni dispositivi di riscaldamento, che sono già riusciti ad occupare una nicchia di mercato nel settore, hanno un vasto pubblico di fan e recensioni positive.

L'essenza della pirolisi

La legna da ardere posta nella camera della caldaia brucia gradualmente e cessa di affumicare. Al momento di una quantità insufficiente di ossigeno, oltre al calore, si formano fumo e una certa quantità di gas combustibili. A differenza del combustibile a legna, l'antracite è quasi interamente carbonio, il che suggerisce un minore effetto di riscaldamento e il solo rilascio di monossido di carbonio. La composizione della legna da ardere è per lo più dominata dalla cellulosa (carboidrati) e contiene una discreta quantità di acqua, quindi questo tipo di carburante emette una grande varietà di sostanze.

Il tempo di combustione dei gas è minimo, e nel processo di combustione praticamente non si forma la fuliggine, che ha un effetto positivo sull'efficienza del riscaldatore. Per attivare il processo di evoluzione del gas, è necessario riscaldare bene la caldaia. Più spesso per questo scopo viene utilizzato un design speciale. Nonostante il fatto che le caldaie a gas abbiano un prezzo leggermente superiore rispetto ai modelli tradizionali a combustibile solido, questi costi saranno più che redditizi nel prossimo futuro.

Dispositivo e principio di funzionamento

Il design della caldaia comprende 2 camere: quella inferiore è prevista per la pirolisi, e quella superiore - per la combustione dei gas rilasciati durante il processo di combustione. Poiché tutti i processi si verificano sotto l'azione delle alte temperature, tutti gli elementi e il corpo della caldaia devono essere realizzati in materiali resistenti al calore. Il più delle volte, i produttori ricorrono alla ghisa per la sua resistenza superba, buona resistenza alla corrosione ed effetti di temperatura. Spesso ci sono anche le caldaie in acciaio, che si scaldano molto rapidamente e si raffreddano rapidamente. In tali strutture, c'è uno speciale rivestimento ceramico che protegge l'acciaio dalla combustione.

Il principio di funzionamento della caldaia di pirolisi è il processo di generazione di gas di pirolisi da legno solido a una gamma di temperature da 200 ° C a 800 ° C e una mancanza di ossigeno e la conseguente postcombustione dei gas rilasciati, che vengono miscelati con l'aria secondaria già nel postbruciatore.

  • le risorse di combustibile solido sono collocate nella camera di carico;
  • utilizzando il regolatore, seleziona e imposta la modalità di combustione, al raggiungimento del quale la caldaia svolge le funzioni di un forno;
  • dopo che il comparto di riscaldamento è sufficientemente riscaldato, il regolatore passa alla modalità di pirolisi. In quel momento, l'accesso all'aria è bloccato, per cui il legno gradualmente cede e lo spazio viene riempito con grandi quantità di anidride carbonica;
  • il gas si sposta nella seconda camera, che di solito si trova nella parte superiore della caldaia, ma in alcuni modelli potrebbe trovarsi nella parte inferiore;
  • mescolando con l'ossigeno, la sostanza gassosa viene bruciata e viene generato ulteriore calore, che riscalda la stanza.

È importante! Poiché le caldaie a pirolisi a lunga combustione con circuito idraulico per uso domestico appartengono a dispositivi di riscaldamento moderni ed efficienti, offrono la possibilità di un controllo facile ed efficace del processo di combustione. Inoltre, risolvono il problema di creare condizioni favorevoli per la formazione della quantità massima di gas emessi e calore.

carburante

Le caldaie a combustibile solido con la stessa produzione possono funzionare con qualsiasi combustibile solido: può essere torba, carbone (sia nero che marrone), legno ordinario, bricchette di combustibile. Poiché tutte le materie prime citate hanno le loro caratteristiche e qualità distintive, anche il tempo della combustione completa è eccellente. Ad esempio, il periodo di combustione del legno tenero è di 5 ore, solido - 8 ore, e il tempo di combustione del carbone raggiunge 10 ore.

Anche l'opinione degli esperti è curiosa al riguardo: tutti affermano all'unanimità le alte prestazioni delle caldaie che operano su legno solido e secco. Per ottenere le massime prestazioni, un buon riscaldamento della stanza e un funzionamento a lungo termine senza problemi dell'apparecchiatura, si consiglia di utilizzare legna da ardere secca, la cui lunghezza non superi i 60 cm e l'umidità del 20%.

Confrontando il legno e altre materie prime a combustibile solido che possono essere utilizzate solo per il funzionamento ininterrotto della caldaia di pirolisi, con il gas è possibile notare la disponibilità e la compatibilità ambientale della prima, l'alto costo e in alcuni casi l'impossibilità di costruire un gasdotto.

Per quanto riguarda il combustibile solido, ce n'è in abbondanza in ogni regione russa, e per il suo trasporto sarà necessaria solo una linea di confine e un trasporto spazioso. Per molte persone nelle zone rurali, le caldaie a pirolisi alimentate con combustibili solidi sono una vera salvezza.

Vantaggi delle caldaie a pirolisi

Prima di acquistare e installare tali apparecchi di riscaldamento, è necessario identificare e analizzare attentamente tutti i pro e i contro di un particolare modello o tipo di caldaia.

Quindi, la caldaia a pirolisi di lunga combustione rispetto ad altri dispositivi di riscaldamento presenta una serie di vantaggi indiscutibili:

  • il carburante consumato è conveniente e venduto liberamente;
  • alta efficienza quando si utilizza legna da ardere e riscaldamento veloce della stanza, indipendentemente dalle sue dimensioni;
  • alta velocità di riscaldamento del trasportatore di calore;
  • lavoro lungo a un ciclo di caricamento;
  • funzionalità accessibile e semplice regolazione dell'intensità della combustione;
  • facilità di manutenzione;
  • buona stabilità e funzionamento lungo senza manutenzione;
  • facile installazione della caldaia di pirolisi, nessuna necessità di posa e collegamento della tubazione;
  • la perdita di calore è trascurabile;
  • facile pulizia dell'attrezzatura dovuta alla formazione di una minima quantità di cenere nella camera e camino durante il funzionamento;
  • le emissioni minime consentono e non inquinano l'ambiente.

Sfortunatamente, le caldaie a pirolisi di lunga combustione non sono prive di difetti. Uno dei principali svantaggi è il prezzo del dispositivo. Indipendentemente dal produttore e dalle caratteristiche di progettazione delle caldaie di pirolisi, sono tutti leggermente più costosi di altri apparecchi a combustibile solido.

Inoltre, queste caldaie sono dispositivi a circuito singolo che non sono progettati per riscaldare l'acqua domestica. Un altro inconveniente che è già stato menzionato in precedenza è la sensibilità dell'apparecchiatura all'umidità del legno: con alti livelli di umidità, è possibile ridurre l'efficienza e l'efficienza del dispositivo. Dovrebbe essere notato e dimensioni impressionanti dell'unità. E infine, la regolazione dell'intensità della combustione è possibile solo in modalità manuale, non viene fornita l'automazione completa.

Fattori di efficienza della caldaia di pirolisi

I seguenti fattori influenzano le prestazioni degli impianti di riscaldamento, l'efficienza e la velocità di riscaldamento dei locali, oltre alle risorse di combustibile e la loro umidità:

  • temperatura ambiente;
  • il livello di temperatura da raggiungere;
  • la presenza (assenza), così come la qualità dell'isolamento dell'edificio;
  • specifiche dell'attuale sistema di riscaldamento.

Come scegliere una caldaia adatta

Se hai la possibilità di acquistare in anticipo o preparare il legno in anticipo, puoi tranquillamente e per lungo tempo senza dubitare dell'elevata produttività del lavoro, acquistare e installare una caldaia di pirolisi per la combustione a lungo termine a casa.

Se non si è affatto sicuri di questa possibilità, si consiglia di prestare attenzione alla caldaia, la cui camera di riscaldamento combina l'80% della pirolisi delle risorse del propellente solido e il 20% del solito. Questi dispositivi sono considerati combinati poiché consentono di bruciare non solo legna da ardere tradizionale, ma anche rifiuti di legno e carbone, rifiuti di torba e qualsiasi altra miscela di carburante, il cui contenuto di umidità sarà inferiore al 50%, in modo qualitativo. Un tale dispositivo di riscaldamento combinato è in grado di bruciare circa l'80% di combustibile solido nella modalità di pirolisi e il restante 20% nella modalità della caldaia più comune, che funziona con risorse di combustibile solido.

Quando acquisti una caldaia, assicurati di valutare visivamente il volume della camera di caricamento. L'opzione migliore sarebbe il dispositivo, la cui capacità di carico sarà in grado di adattarsi al legno lungo 65 cm. Anche la copertura delle camere è importante: la presenza di calcestruzzo porcellanato garantisce l'integrità degli scomparti al massimo riscaldamento, protegge le pareti dalla combustione e garantisce la combustione necessaria delle materie prime.

Attenzione! Familiarizzare con le caratteristiche tecniche dell'apparecchiatura che hai utilizzato. Prestare particolare attenzione alla durata della combustione delle risorse di combustibile: la durata media della combustione non deve essere inferiore a 10 ore.

Panoramica dei combustibili per caldaie a pirolisi e forni a combustione lunga

Una moderna casa privata richiede un sacco di costi e sforzi da parte del proprietario. E non è nemmeno il costo dei materiali e delle attrezzature, ma il problema di scegliere l'opzione migliore.

L'alloggio ha bisogno non solo di essere costruito, ma anche di fornire tutte le comunicazioni necessarie, incluso il riscaldamento.

La difficile situazione economica presta nuovamente attenzione all'uso di stufe e caldaie a combustibile solido, offrendo un nuovo sguardo alle solite cose.

Più recentemente, la torba, la legna da ardere e altri combustibili solidi erano inferiori nella loro efficienza al gas, ma l'aspetto delle caldaie a pirolisi per il riscaldamento di case e stufe a combustione lunga cambiava l'equilibrio di potenza.

Il principio di funzionamento dei sistemi di riscaldamento e dell'efficienza della pirolisi

La caldaia di pirolisi del dispositivo. (Clicca per ingrandire)

Si differenzia dalla normale combustione limitando l'accesso dell'ossigeno al carburante per evitare la perdita di energia primaria della combustione. Questa è la base del lavoro delle caldaie e dei forni di pirolisi (generatori di gas).

La caldaia strutturale di pirolisi ha 2 camere a tenuta di gas collegate da un ugello. Nel primo scomparto (camera di combustione primaria) gettare il carburante e accendere la caldaia.

Un'altra caratteristica distintiva dei generatori di gas è l'uscita della caldaia in modalità chiusa. Inizia dopo che il fuoco ha completamente avvolto il carburante. Quindi, l'accesso dell'aria libera viene arrestato forzatamente e la combustione diretta viene interrotta. Infatti, una parte del combustibile sta bruciando e l'altra sta bruciando.

Ma il calore rilasciato durante questo processo è sufficiente a formare gas di pirolisi, che scorre nel secondo compartimento (camera di combustione o postcombustore). A causa di una certa porzione di aria secondaria, il gas caldo lampeggia, l'energia termica viene rilasciata e il refrigerante della caldaia viene riscaldato.

Il secondo compartimento del forno è spesso combinato con il condotto o è la base del camino. Il movimento dei gas è fornito sia dalla ventola (sia l'alimentazione principale e di scarico, sia una separata), o dalla spinta naturale basata su ammortizzatori sigillati.

Di solito, nelle fornaci di pirolisi, la legna brucia quasi completamente, lasciando una quantità minima di cenere (può essere rimossa una volta alla settimana), ma se necessario, è possibile rimuovere resti di legna bruciata in modo incompleto. Per fare questo, utilizzare una storta rotante - una parte rotonda del contenitore del forno.

Il principio della combustione completa in due fasi e un forno aumentato consente di aumentare l'efficienza della caldaia di pirolisi fino al 90-93% e come per i forni a combustione lunga simili, fino all'85% rispetto a quelli convenzionali.

Leggi l'utile articolo sulle caratteristiche della caldaia di pirolisi Geyser qui.

Cosa affogare

Le caldaie a pirolisi sono piuttosto versatili rispetto al combustibile utilizzato. Il loro "onnivoro" ti permette di lavorare su legno, carbone, pellet e bricchette di torba, olio di scarto, e in alcuni casi agiscono come un utilizzatore domestico in grado di far fronte a scarti di legno, rifiuti contenenti cellulosa ed è adatto anche per bruciare pneumatici.

Eppure, i più comuni sono i seguenti combustibili.

Legna da ardere. Il legname segato di un albero lungo fino a 40 cm è il materiale naturale più utilizzato per il riscaldamento. La scelta del legno per il riscaldamento dipende da caratteristiche quali:

  • tempo di combustione;
  • emissione di calore La legna da ardere di betulla produce molto calore, ma può causare la formazione di catrame se non c'è abbastanza aria. Proprietà simili in conifere. La legna da ardere di quercia dà più calore, ma il valore della roccia è troppo alto per il focolare;
  • praticità d'uso. L'ontano e l'aspen formano la più piccola quantità di fuliggine e sono spesso usati per camini autopulenti;
  • destinazione d'uso. Nelle caldaie per il riscaldamento si usano alberi a foglie caduche, e per stufe e caminetti è meglio usare betulla, pino, ontano, frassino o nocciola.

Pellet. Questo tipo universale di combustibile solido viene pressato essenzialmente in piccoli granuli cilindrici di materie prime di origine vegetale.

Come il materiale di origine sono:

  • rifiuti agricoli (paglia, lino scadente, gusci di girasole, ecc.);
  • scarti di legname e legname (trucioli, cortecce, rami, trucioli);
  • torba.

La classificazione del pellet si basa sul segno grezzo (legno, paglia, mais) e la compatibilità ambientale del carburante si basa sull'assenza di un componente adesivo durante la pressatura. Il supporto è fornito dalla lignina polimerica naturale rilasciata sotto pressione dai materiali stessi.

Carbone. Precedentemente era chiamato luce solare pietrificata. Il fossile sedimentario ha una vasta gamma di applicazioni, incluso come combustibile.

Bruciature del carbone in due fasi: dapprima si formano sostanze volatili e poi si coke (residuo solido). La combustione a lungo termine della caldaia a carbone di pirolisi viene solitamente utilizzata per il riscaldamento di locali industriali.

Bricchette di combustibile. Un altro nome comune è Eurodrove. Il materiale principale per loro è la stessa materia prima del pellet, solo pressato in bricchette cilindriche di maggiore lunghezza (fino a 45 cm).

Il punto chiave nella scelta di una caldaia di pirolisi o di un forno di riscaldamento è il consumo di carburante, che, di norma, è indicato nel passaporto per ogni specifico modello di caldaia.

Ma è necessario prendere in considerazione i seguenti parametri:

  1. La dimensione della stanza per il riscaldamento. È ovvio che per riscaldare un'abitazione di 300 mq. più carburante è necessario che per 100 sq.m.
  2. Perdita di calore abitativa stimata.
  3. Il potere calorifico del carburante utilizzato. Questa caratteristica è anche presa in considerazione quando si sceglie un carburante.
  4. Umidità delle materie prime di carburante.
  5. Fascia di prezzo del carburante.

Se confrontiamo i principali combustibili per il potere calorifico, otteniamo quanto segue:

Tipo di combustibile Scambio di calore, kcal / kg

Legna da ardere 2500
4500 pallini
Carbone di legna 7500
Carbone 7400
Olio combustibile 9800
Gas naturale 8300

Calore specifico di combustione di combustibile solido:

Umidità della legna da ardere 20% - 3590 kcal / kg
Umidità della legna da ardere 50% - 1870 kcal / kg
Bricchetti di legno - 4500 kcal / kg

L'uso ottimale di un generatore di gas nella vita di tutti i giorni è una caldaia a pirolisi a pellet per la combustione a lungo termine, ma è necessario prestare attenzione all'umidità del carburante utilizzato. È auspicabile che non superi il 30%.

Guarda un video in cui un utente esperto conduce un esperimento: meglio riscaldare una caldaia a pirolisi con legna da ardere o bricchette di combustibile:

Cosa sono le buone caldaie a pirolisi a lunga combustione - tipi, vantaggi, caratteristiche

I residenti delle regioni in cui il gas naturale non è disponibile sono costretti a utilizzare i tradizionali tipi di combustibile per il riscaldamento domestico: carbone, torba e legna da ardere. Una buona alternativa ai forni e alle caldaie convenzionali sono i modelli innovativi di pirolisi, caratterizzati da una maggiore efficienza e dall'avere un'automazione integrata.

Caratteristiche del design

Caldaia di pirolisi - una caldaia a combustibile solido di tipo modificato, che consente di estrarre il gas dalla legna da ardere, che viene successivamente utilizzato per riscaldare un'abitazione. La pirolisi è una reazione fisico-chimica, ampiamente utilizzata in vari settori industriali. La base di questo processo è la decomposizione di sostanze organiche complesse sotto l'influenza di temperature considerevoli e in condizioni di fame di ossigeno. Di conseguenza, l'output è costituito da componenti più semplici in uno stato solido, liquido e gassoso.

Il progetto di una caldaia a pirolisi a combustibile solido è costituito da due camere:

  • Fotocamera superiore. Progettato per l'attuazione della reazione di pirolisi del materiale combustibile a una temperatura di +200 - +800 gradi. Ciò si traduce nella formazione di carbone di legna e gas naturale costituito da CO con impurità di CO2.
  • Fotocamera inferiore Il gas di pirolisi miscelato con l'aria entra dal compartimento superiore: il risultato della sua combustione a una temperatura di +1100 - 1200 gradi è la formazione di una grande quantità di calore. L'energia risultante viene utilizzata per il riscaldamento dell'acqua e del liquido di raffreddamento.

Principio di funzionamento

A causa del fatto che all'interno di caldaie di pirolisi di lunga combustione, non di legna da ardere, ma il gas naturale viene bruciato, si ottiene un'efficienza piuttosto elevata - 85-90%. Il processo di combustione in questo caso è più facile da controllare, il che rende possibile introdurre il controllo automatico delle apparecchiature. Una griglia viene utilizzata per separare le camere superiore e inferiore. La produzione di gas nello scompartimento superiore si ottiene mediante lenta combustione e pirolizzazione del carburante. E questo è tutto - in condizioni di carenza di ossigeno. Un ostacolo alla perdita di calore da questa camera è il carburante sulla griglia: attraverso di esso c'è un flusso debole di aria primaria.

L'alimentazione del gas risultante dalla combustione senza fiamma del combustibile nella camera inferiore avviene insieme all'aria secondaria. Nel ruolo dell'ugello è il fondo del comparto inferiore, per la cui fabbricazione viene utilizzata ceramica resistente al calore. Una caratteristica distintiva di tali forni è l'aumento degli indicatori di resistenza aerodinamica, che consente loro di utilizzare la trazione forzata generata dall'aspiratore di fumo.

Il tempo di funzionamento di una caldaia a gas, fornita da un singolo carico, dipende direttamente dalla temperatura dell'aria esterna e interna, dalla qualità dell'isolamento dell'ambiente, dal tipo di combustibile e dalle sue caratteristiche, nonché dalla corretta installazione dell'impianto di riscaldamento. Rispetto alle apparecchiature convenzionali, le caldaie a pirolisi a combustibile solido sono molto più efficienti.

Selezione del combustibile solido

Qualsiasi tipo di combustibile solido, tra cui legno, torba, lignite e carbone nero, è adatto per il funzionamento della caldaia di riscaldamento a pirolisi.

Questi materiali hanno un diverso periodo di combustione completa:

  • Resinosi - fino a 5 ore.
  • Legno duro - circa 6 ore.
  • Carbone bruno - 8 ore.
  • Carbone nero - 10 ore.

Come dimostra la pratica, la massima efficienza di una caldaia a pirolisi a combustibile solido per una lunga combustione è ottenuta utilizzando legno secco. Con l'aiuto di tronchi secchi fino a 65 cm di lunghezza e con un'umidità del 20%, è possibile non solo portare l'apparecchiatura alla sua capacità massima, ma anche prolungare significativamente la sua durata. Se tale legna da ardere non è disponibile, il gas può essere generato utilizzando qualsiasi tipo di combustibile fossile, che è caratterizzato dalla formazione di frazioni volatili.

I produttori di caldaie a pirolisi per combustibili solidi consentono l'uso dei seguenti tipi di materiali:

  • Rifiuti di legno
  • Carburante pellet e bricchette.
  • Alcuni tipi di torba.
  • Rifiuti dell'industria alimentare, avente nella sua composizione cellulosa.
  • Carbone.

Durante la combustione del gas di pirolisi, la fiamma ha un colore bianco, evidenziando in minima parte i sottoprodotti della combustione. Se si regola correttamente l'aria primaria e secondaria, oltre a prelevare carburante di qualità, la percentuale di fumo non supera il 20%. Se il contenuto di umidità del carburante aumenta, durante la sua combustione si formerà una grande quantità di vapore acqueo. Come risultato, appariranno fuliggine e catrame, il che porta ad una diminuzione delle caratteristiche caloriche delle caldaie a combustibile solido della combustione di pirolisi, fino all'attenuazione.

Come inizia una lunga caldaia a pirolisi e funziona

Prima di accendere il generatore di gas, è importante considerare le sue differenze rispetto al tradizionale riscaldatore a combustibile solido. E questo non riguarda solo la presenza di due camere con regolatori di valvole speciali. Il punto importante è che, prima di utilizzare il bunker di riscaldamento della caldaia per il riscaldamento a pirolisi, è necessario riscaldarlo bene.

Per ottenere il regime di temperatura ottimale + 500-800 gradi, viene eseguito il caricamento del combustibile solido. Solo dopo che il cancello può essere messo in modalità pirolisi e l'aspiratore di fumo può essere acceso. Come risultato di questo ordine di operazioni, vengono create le condizioni per la combustione del combustibile lenta e senza ossigeno. Il gas di pirolisi brucia con una fiamma bianca-giallastra pulita, che fornisce un efficiente riscaldamento dell'ambiente.

Raccomandazioni per la scelta di una caldaia a combustibile solido

L'acquisizione e l'installazione di una caldaia di pirolisi a combustibile solido per il riscaldamento ha senso solo se il consumatore ha la possibilità di acquistare costantemente legna da ardere secca o di procurarsele in conformità con tutte le condizioni necessarie. Altrimenti, è meglio non rischiare, dando la preferenza alla moderna caldaia ad alta tecnologia, la cui fornace combina pirolisi altamente efficiente e combustione tradizionale: il rapporto di questi processi è 4/1. Questa apparecchiatura è in grado di lavorare non solo su legno, ma anche su scarti di legno, torba, carbone, ecc. umidità non superiore al 50%.

Le caldaie che contengono legna da ardere lunga fino a 65 cm sono considerate le più pratiche: il calcestruzzo in ceramite deve essere utilizzato come rivestimento per i compartimenti superiore e inferiore: ciò consente di ottenere una temperatura ottimale all'interno dell'apparecchiatura, senza la minaccia di bruciature interne delle pareti. Un segno di buona caldaia è la capacità di mantenere la durata della combustione fino a 10 ore, con una durata di almeno 20 anni.

Punti di forza e punti deboli

I vantaggi indiscutibili delle caldaie di pirolisi per combustibili solidi sono le seguenti caratteristiche:

  1. Facile da mantenere A causa della presenza di automazione, il funzionamento dell'apparecchiatura non richiede la supervisione umana. Anche il carico di carburante è molto conveniente: viene eseguito una volta ogni 10-15 ore (questo è 2 volte meno rispetto ai tradizionali modelli a combustibile solido). Per quanto riguarda la pulizia del focolare e del camino, grazie alla minima formazione di fuliggine, è abbastanza facile da implementare.
  2. Praticità. Nelle regioni in cui non ci sono condutture di gas, una caldaia a combustibile solido del tipo a pirolisi è la soluzione più pratica per l'organizzazione del riscaldamento autonomo.
  3. Sicurezza ecologica Dopo la combustione del carburante, non rimane praticamente alcuna cenere nel focolaio e nel camino. I gas emessi durante il processo di combustione non contengono componenti tossici e durante il funzionamento del generatore di gas, la concentrazione di CO2 è 3 volte inferiore rispetto a una caldaia a combustibile solido standard. Di conseguenza, l'inquinamento ambientale è ridotto al minimo.
  4. Alta velocità di riscaldamento La caldaia di pirolisi riscalda rapidamente la stanza.
  1. Alto costo Le caldaie a pirolisi sono più costose delle normali attrezzature di una volta e mezza.
  2. Dotato di un solo circuito. Indipendentemente dal modello, tutte le unità generatrici di gas sono monocircuito. Ciò significa che l'acqua per le necessità domestiche durante il loro lavoro non si riscalda.
  3. Esigente sul carburante. L'eccessivo contenuto di umidità del carburante utilizzato può provocare gravi malfunzionamenti del sistema di riscaldamento.
  4. La mancanza di una modalità completamente automatica. In contrasto con il gas, la caldaia a pirolisi per combustibili solidi per legno è solo parzialmente automatizzata, poiché il carburante viene caricato manualmente.
Top